11° Festival del libro per ragazzi Monte Librić

20.04.18. Notizie

Anche quest'anno la Biblioteca civica e sala di lettura di Pola è uno dei partner dell'11. Festival del libro per ragazzi Monte Librić che ormai per tradizione si tiene a Pola ad aprile. Anche quest'anno il programma italiano di Monte librić è stato curato da Liana Diković, responsabile della Biblioteca centrale per la Comunità nazionale italiana in Croazia che opera appunto presso la Biblioteca civica di Pola e da Tamara Brussich, presidente dell'Assemblea della Comunità degli Italiani di Pola, nonché direttrice della Scuola dell'infanzia Rin Tin Tin di Pola. In sintonia con il tema di quest'anno dedicato all'animazione, il programma italiano propone varie forme di animazione, incontri con gli autori, laboratori di animazione, spettacoli teatrali, proiezioni al cinema e un laboratorio di aggiornamento professionale per eductarici, insegnanti e studenti. Nella parte espositiva ci sarà un'ampia scelta di novità letterarie in italiano, i titoli degli autori presenti al Festival e altri libri per bambini e ragazzi, grazie alla collaborazione con la libreria Nero su bianco di Trieste. Quest'anno abbiamo il piacere di ospitare Susanna Mattiangeli che presenterà il suo ultimo libro „I numeri felici“ (finalista del premio Strega Ragazzi 2018) e Andrea Valente che presenterà uno dei suoi ultimi libri „Piccola mappa delle paure“. Da Roma arrivano due artisti Massimiliano Maiucchi e Alessandro D'Orazi con lo spettacolo-concerto „Musicastrocca“, mentre per quanto riguarda i laboratori per i bambini della Scuola dell'infanzia Rin Tin Tin di Pola verranno proposti due laboratori di lettura animata intitolati „Era una volta“ con Emanuele Bertossi e due laboratori di animazione „Intercapedine di luce“ con Dragana Sapanjoš. Al cinema Valli verrà proiettato il film Peter coniglio (Peter Rabbit, W. Gluck, USA, 2018). La realizzazione del programma italiano è stata resa possibile grazie ai mezzi messi a disposizione dal bilancio della Città di Pola, ai finanziamenti della Comunità degli Italiani di Pola, dell'Ufficio per i diritti umani e per i diritti delle minoranze nazionali del Governo della Croazia e grazie al contributo dell'Unione Italiana di Fiume.